FESTIVAL

FOLK, ROCK & DINTORNI

“Folk, Rock e Dintorni” prende il posto di una favola bella che ha caratterizzato i primi mesi degli scorsi due anni dando un volto ad un genere musicale dalle fasi altalenanti anche in Italia: il Prog. Essa è rimandata all’autunno, momentaneamente sostituita da una tornata di concerti palesemente imparentati con quel genere. I protagonisti vantano tutti carriere pluridecennali e ruoli fondamentali nei rispettivi “generi”.

S’inizia il 27 febbraio con gli inglesi NINE BELOW ZERO, la cult band del british blues esplosa con il famoso “Live at Marquee”, pietra miliare di ogni buona discografia, oggi piu’ che mai attiva sulle scene internazionali per presentare l’ultimo album dal titolo molto significativo ”It’s never too late”.

In apertura di serata il quartetto bergamasco BIG GUNS.

I NINE BELOW ZERO hanno legato parte dei loro trascorsi al mitico Rory Gallagher, chitarrista irlandese del quale quest’anno ricorre il 15° anno dalla scomparsa; serata doverosamente a lui dedicata.

Il 21 marzo è la volta dei “maestri del folk rock d’Oltre Manica”, i FAIRPORT CONVENTION. Tra le piu’ longeve band di sempre, sulle scene dalla fine dei sessanta, rappresentano la storia di questo genere strettamente imparentato con alcuni alfieri del Prog, Jethro Tull in primis. A loro si deve il conio dell’etichetta “folk rock”, tra i primi ad elettrificare un sound prima affidato solo agli strumenti acustici della tradizione. A loro si devono i natali artistici di gente come Richard Thompson, Sandy Danny, Dave Swarbrick, Martin Carthy, tanto per citarne alcuni. A loro si devono alcune delle pagine piu’ belle della musica inglese di sempre. Sull’onda di quei tempi sono perennemente in tour, con una line up invidiabile che schiera incredibili virtuosi con background eccezionali, pronti a dare sempre il meglio sui palchi di tutto il mondo.

Prima del concerto lo scrittore ANTONELLO CRESTI presenta il libro “Fairest Isle-L’epopea dell’electric folk britannico” (Aerostella edizioni), prima opera dedicata al lato piu’ nascosto dell’electric folk d’Oltre Manica. E uno spazio è lasciato anche ai bergamaschi RUSTIES ACOUSTIC prima della performance dei Fairports.

Il rock d’autore di una dei piu’ prolifici compositori d’Oltre Oceano è in scena il 9 aprile con ELLIOTT MURPHY e la sua band. L’angelo biondo di Coney Island continua a raccontare storie urbane, con la stessa passione ed entusiasmo degli inizi. La sua pare una vena inesauribile che, se da un lato non si rinnova, dall’altro mantiene un altissimo livello raggiungendo sempre il cuore dei tantissimi fans. Quartetto affiatatissimo il suo, che ha nel chitarrista Olivier Durand piu’ che una spalla; e su tutti la voce, la chitarra e l’armonica di un artista che sa subito trovare la perfetta sintonia con il suo pubblico, lo coinvolge, lo trascina in un viaggio sospeso tra nuove leggende e inossidabili ricordi. Dylan e Springsteen dei tempi migliori nelle pieghe di un sound coinvolgente che con il trascorrere del tempo acquista sempre piu’ energia e fascino.

E prima di lui un altro cantautore, direttamente dal Greenwich Village: JACK HARDY. Egli incarna alla perfezione e con la massima coerenza il ruolo che ha scelto nella vita, quello di cantore delle vicende e storie quotidiane, dei sentimenti. Presenta alcuni brani dal suo ultimo album “Rye Grass”.

La rassegna cala il sipario sulle sue note.

Geomusic

direzione artistica

www.geomusic.it

TRESCORE BALNEARIO(Bergamo) – Cinema Teatro Nuovo

Ore 21 – ingresso 18 €

Info e prenotazione posti:

Cinema Teatro Nuovo cell. 346.6639505

Geomusic tel. 035 732005 begin_of_the_skype_highlighting              035 732005      end_of_the_skype_highlighting – info@geomusic.it – www.geomusic.it

Organizzato da:

Cinema Teatro Nuovo e Geomusic con il patrocinio del Comune di Trescore Balneario.

CONCERTI

27/2/2010 ore 21:00 TRESCORE BALNEARIO (Bg)
NINE BELOW ZERO
Cinema Teatro Nuovo

21/3/2010 ore 21:00 TRESCORE BALNEARIO (Bg)
FAIRPORT CONVENTION
Cine Teatro Nuovo

9/4/2010 ore 21:00 TRESCORE BALNEARIO (Bg)
,
Cinema Teatro Nuovo, Elliott con la band, Jack in solo