Artisti

MASSIMO GIUNTINI E RAFFAELLO SIMEONI

ITALIA
Sono passati dieci anni da quando Massimo e Raffaello si sono conosciuti.
Suonarono in uno spettacolo a Roma, al teatro Brancaccio. E da quella volta cominciarono a pensare di realizzare un lavoro insieme; un cd a quattro mani, perchè apparve subito evidente il comune sentire artistico dei due. Nel corso degli anni numerose sono state le occasioni di collaborare insieme, ed ogni volta il pensiero correva a quel cd da fare, a qualcosa di più che non una comparsata nel lavoro altrui.
Dieci anni dopo i due hanno trovato tempo e modo di realizzare quel cd: si chiama TERRE IN VISTA. Come le terre – tantissime - che la loro musica, insieme, evoca. Come i loro strumenti – tantissimi - : corde, percussioni, tastiere, cornamuse, evocativi a partire dal timbro. Come le lingue in cui sono cantati questi brani: il dialetto reatino, l'italiano, ma anche una lingua fatta di suoni privi di significato convenzionale. Con il comune obbiettivo di evocare terre in vista o terre lontane, in un viaggio immaginario capace di portare l'ascoltatore in mondi lontani nello spazio e nel tempo.

Nella particolare occasione il loro viaggio inizia nella tradizione popolare del centro sud della nostra penisola e si spinge nei mondi celtici di Bretagna e Irlanda, nel tentativo di coniugare due culture solo apparentemente lontane. Nel programma melodie tipiche della tradizione popolare del Natale ma anche ritmi che scandiscono la vita quotidiana.

Formazione:
MASSIMO GIUNTINI – uillean pipes, tin e low whistle, flauti, bouzouki
RAFFAELLO SIMEONI – voce, piva, ciaramella, launeddas, organetto e strumenti vari
CRISTIANO CALIFANO – chitarra acustica e bouzouki



 

MASSIMO GIUNTINI E RAFFAELLO SIMEONI